Pubblicato il Pubblicato in Italia, Passeggiate (facili)

LAGO DI TENNO – BORGO CANALE

Scorci di Caraibi nel Trentino.

Chi non ha mai sognato di lasciare tutto, fuggire dalla quotidianità e trasferirsi in un’isoletta sperduta dei Caraibi? E se ci fosse un luogo altrettanto esotico ed ugualmente affascinante anche qui in Italia? Impossibile direte voi, ed avreste ragione. Si, perché il lago di Tenno offre molto di più!

Non solo acque limpide e bianche spiagge, ma anche rilassanti passeggiate immerse nel verde e contornate dalle dolci montagne sullo sfondo. Ma soprattutto, un lago di un colore così particolare che non ha eguali, un azzurro così intenso capace di ipnotizzare chiunque…

 

INFORMAZIONI TECNICHE

ZONA: Trentino – Lago di Garda

COME ARRIVARE: Mappa auto

LINK MAPPA:
Lago – Borgo Canale
Borgo – giro lago

PARTENZA: Albergo Stella Alpina, Tenno

ARRIVO: Lago di Tenno – Borgo Canale

ALTITUDINE PARTENZA: 605m

ALTITUDINE ARRIVO: 600m

ALTITUDINE MASSIMA: 620m

DISLIVELLO IN SALITA: 150m

LUNGHEZZA PERCORSO (andata e ritorno): circa 10 km

TEMPI DI PERCORRENZA: Ore 2.5

CARTOGRAFIA DI RIFERIMENTO:
Tabacco 061 Alto Garda – Ledro – Monte Baldo Nord
Kompass 096 Alto Garda – Ledro – Valle del Sarca

CIME PRINCIPALI:
Monte Misone,1803m
Tofino, 2151m
Corno di Pichea, 2138m
Mazza di Pichea, 1879m

ABBIGLIAMENTO CONSIGLIATO:
Sentiero estremamente semplice, possono bastare delle scarpe da ginnastica con buon grip. Non è necessario abbigliamento tecnico. È bene avere con sé uno zainetto con scorte d’acqua.

PERIODO RACCOMANDATO: Da aprile a giugno
 

Link galleria immagini

Descrizione percorso lago di Tenno

30 aprile

Semplice passeggiata intorno ad uno dei laghi più belli del Trentino. Il suo colore è di un azzurro incomparabile e meraviglioso, un luogo che predispone subito alla “modalità relax”! Assai interessante è anche la deviazione al borgo medioevale Canale di Tenno.

Il percorso è semplicissimo e alla portata di tutti. Per i bambini più piccoli consigliamo lo zainetto, vista la presenza di alcuni scalini ed alcuni tratti un po’ disconnessi che rendono difficile procedere con il passeggino.

Provenendo da Riva del Garda troviamo il punto di partenza una volta superato il paese di Tenno con il suo castelletto. Ci lasciamo dietro anche il paese di Villa del Monte e procediamo fino ad arrivare al punto di partenza di questa passeggiata: un piccolo centro turistico con qualche albergo ed hotel.

Per posteggiare l’auto giriamo a sinistra (indicazioni per i paesi di Pranzo e Campi) e cento metri più avanti troviamo, sulla sinistra, il parcheggio ufficiale che è però a pagamento. Vi suggeriamo di provare a proseguire altri 200 m: dopo il curvone a sinistra c’è un piccolo parcheggio gratuito, se invece quest’ultimo è pieno non rimane che sborsare qualche moneta.

Il punto d’inizio del sentiero si trova nei pressi dell’albergo Stella Alpina, dove prendiamo la stradina in discesa che, con alcuni scalini, ci porta in breve lungo le rive del lago di Tenno.

Il lago è una vera rivelazione: un paesaggio inaspettato grazie alle sue acque turchesi da mare dei Caraibi ed il clima mite e soleggiato… Uno scorcio quasi esotico, tradito però, non appena si alza lo sguardo, dai pendii boscati dei monti. Giusto per ricordarci che ci troviamo in Trentino, in un ambiente assolutamente montano. Quasi sembra di essere stati “fagocitati” all’interno di un fotomontaggio particolarmente realistico, dove le montagne trentine sono inserite in un contesto assolutamente diverso, quale il mare tropicale dalle limpide acque.

Tenno, inoltre, è considerato il lago trentino con le acque più pulite, e di conseguenza è annoverato tra i più limpidi laghi d’Italia.

Seguiamo il sentiero in direzione antioraria (procedere a destra) e proseguiamo rapiti ed estasiati dalla bellezza del luogo. Il lago di Tenno non mette a fretta, anzi, sembra voler comunicare un’estrema rilassatezza che incita a fermarsi sulle sue spiaggette per non fare più ritorno.

Il sentiero ci porta ad avvicinarci sempre più alla punta sud del lago, dove un’isoletta dei pirati fa la sua comparsa (ci troviamo ai tropici, no?).

Tra l’altro il lago è balneabile (l’acqua in estate raggiunge temperature estremamente gradevoli) e sulle sue spiagge, nel periodo turistico, è attivo il servizio spiagge sicure con la presenza di bagnini.


 

Qui la profondità dell’acqua diminuisce e le acque del lago di Tenno si fanno più chiare.

In realtà, negli ultimi anni, il livello del lago è calato considerevolmente e spesso durante i mesi più caldi e siccitosi una striscia di terreno viene lasciata scoperta dalle acque, unendo l’isola alla terraferma.

Un evento che, in passato, avveniva solo negli anni particolarmente secchi e calamitosi per le colture. Assai curiosa è anche la storia dell’isola dell’86, uno scoglio così chiamato perché comparve la prima volta proprio in quell’anno e che si fa vedere negli anni meno abbondanti d’acqua e nel periodo di minima del lago.

Sulla riva della punta sud del lago è presente un piccolo ristoro per chi volesse fare uno spuntino o fermarsi sulla spiaggia a bere qualcosa di fresco.

Ed è qui che abbandoniamo momentaneamente il lago per seguire le indicazioni che ci portano al vicino borgo medioevale di Canale di Tenno. In ottima posizione panoramica sul lago di Garda, Canale di Tenno è stato annoverato tra i borghi più belli d’Italia. L’agglomerato di case centrali risale al 1200 mentre, spostandosi verso la periferia, le costruzioni diventano più recenti. Il paese domina le sottostanti e placide acque della punta Nord del lago di Garda.


 

 

Entriamo quindi in paese passando sotto una caratteristica volta e ci perdiamo, temporalmente e geograficamente, tra gli stretti vicoli del borgo con le sue viuzze, i suoi archi a volta, le sue scalette, i suoi ballatoi, i suoi bassi sottopassaggi… Un borgo rimasto fedele alla sua antica storia e quindi quasi immutato nei secoli.

Qui si respira l’aria di un’altra epoca, un’epoca contadina, in cui ci si sostentava coltivando i pendii terrazzati che degradano verso il Garda. Un’epoca in cui nulla era facile o scontato e ci si annidava in borghi come quello di Canale di Tenno per proteggersi e aiutarsi a vicenda.


 

Il paese, comunque, si spopola dopo la prima guerra mondiale poiché gli abitanti lasciano la loro casa natale per tentare la fortuna nella vicina pianura, dove l’industrializzazione faceva sognare migliori condizioni di vita, o all’estero.

Negli ultimi decenni, però, il paese si sta ripopolando. Nel tempo ha attirato l’attenzione di parecchi artisti che ispirati dalla bellezza e dalla magia del luogo hanno qui trovato un luogo perfetto.

In primis il pittore Giacomo Vittone a cui è stata dedicata la Casa degli Artisti, un centro di produzione artistica che ospita corsi, mostre, concerti, ecc.

A Canale di Tenno è presente anche un piccolo ma ben fornito museo sul tema della vita contadina.

Da non dimenticare i mercatini di Natale, che seppur rappresentano un’ottima occasione per visitare questo splendido borgo, sono dall’altro presi d’assalto dal turismo di massa con la relativa confusione che ne deriva.


 

Ma torniamo ora sui nostri passi e riavvolgiamo il percorso fino a tornare alle sponde del lago di Tenno per riprendere il giro delle sue rive.


 

Ricordiamo che la formazione di questo bacino risale al 1100 circa, quando una consistente frana scese dal monte Misone e bloccò il passaggio dell’acqua del torrente Ri Sec, portando alla formazione del lago.

Inizialmente il livello delle acque era notevolmente più alto di quello attuale, ma successivamente l’acqua si fece un varco sotterraneo nel dosso di Villa del Monte, portando, nel 1400, l’altezza dell’acqua a quella attuale.


 

Il percorso è molto semplice da seguire e costeggia la riva est del lago fino a curvare in direzione ovest e attraversare, su un avventuroso ponte a tronchi, l’immissario del lago. Proseguiamo poi fino a raggiungere il punto di partenza da dove siamo scesi.

Credeteci: un lago che merita sicuramente un’escursione!

LAGO DI TENNO – BORGO CANALE ultima modifica: 2018-04-02T20:43:12+00:00 da Amos e Elison

2 pensieri su “LAGO DI TENNO – BORGO CANALE

  1. Complimenti Amos, bellissima escursione ,come sempre completissima relazione ,foto meravigliose.
    Stupendi i colori del lago di Tenno,affascinante il borgo .
    A presto.
    Un abbraccio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *