Pubblicato il Pubblicato in Curiosità di montagna, Gastronomia

COSTRUIAMO IL NOSTRO FUTURO – I parte

Produzioni tipiche.

 
Intenti:

Produzioni tipiche. Negli ultimi anni se ne sente spesso parlare tanto che a volte scegliamo di acquistare questi prodotti senza capire appieno ciò che comporta.

Con una serie di articoli, Destinazione Montagna si propone di far conoscere e valorizzare le produzioni locali che portano come principio fondamentale la genuinità. Un viaggio alla scoperta della storia e della tradizione… Perché le produzioni tipiche sono un ritorno alle origini e una riscoperta del gusto, sempre legato al territorio di produzione.

Troppo spesso, infatti, piccole realtà di montagna o collina (quali possono essere malghe o caseifici) si vedono costrette a chiudere. Il mercato sempre più orientato verso l’uniformità , la quantità produttiva e l’abbattimento dei costi, seppellisce le produzioni locali.

 
Opportunità per gestire l’ambiente montano

Il sopravvivere delle attività rurali è fondamentale per il mantenimento e la cura dell’ambiente montano-collinare. Chi lavora in montagna nutre amore per il proprio territorio e questo gli permette di farsi carico anche degli svantaggi che caratterizzano i rilievi, quali ad esempio: la brevità della bella stagione, il clima rigido, la morfologia svantaggiosa, la mancanza di vie di comunicazione veloci e capillari, maggiori rischi (frane, slavine).

È solo grazie al sopravvivere di chi lavora in montagna che possiamo avere un’ambiente curato e rigoglioso.

Fortunatamente, negli ultimi anni, la maggior sensibilità riscoperta verso i prodotti naturali e tipici ha ridato respiro a quei cibi, che non sono soltanto alimenti genuini, ma che sussurrano anche storie di vita contadina e amore per il proprio lavoro, descrivendo in parte il territorio di provenienza.

Saremo quindi noi, con le nostre scelte, a decidere il sopravvivere dell’economia e dell’ambiente montano.

Voi cosa ne pensate?

COSTRUIAMO IL NOSTRO FUTURO – I parte ultima modifica: 2017-02-02T18:57:07+00:00 da Amos e Elison

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *