Pubblicato il Pubblicato in Italia, Passeggiate (facili)

CASCATA DI PARCINES

Tutta l’esuberanza dell’acqua.

Il fragore dell’acqua che si infrange sulla roccia, l’imponente salto nel vuoto del torrente Ziel e i freschi spruzzi trasportati dal vento: qui, alla cascata di Parcines, l’acqua diventa spettacolo!

Una vera perla nel cuore delle Alpi che, con i suoi 98 metri d’altezza e la sua immensa portata, non ha proprio nulla da invidiare alle più celebri cascate note in tutto il mondo.

 

INFORMAZIONI TECNICHE

ZONA: Alto Adige – Merano

LINK MAPPA: OpenStreetMap

PARTENZA: Parcheggio punto di ristoro Birkenwald

ARRIVO: Cascata di Parcines

ALTITUDINE PARTENZA: 950m

ALTITUDINE ARRIVO: 1155m

ALTITUDINE MASSIMA: 1155m

DISLIVELLO IN SALITA: 140m

LUNGHEZZA PERCORSO (andata e ritorno): 2km

TEMPI DI PERCORRENZA: Andata e ritorno ore 1

CARTOGRAFIA DI RIFERIMENTO:
Kompass 044 Passiertal – Val Passiria / Kompass 043 Parco Naturale Gruppo di Tessa – Alta Via di Merano

PUNTI DI RISTORO:
Gasthaus Birkenwald 950m
Gasthaus Wasserfall 1073m

ABBIGLIAMENTO CONSIGLIATO:
Facile passeggiata, bastano anche un buon paio di scarpe da trekking; volendo sostare nei punti ristoro non è nemmeno necessario lo zaino.

PERIODO RACCOMANDATO:
Aprile-ottobre, ma la cascata è nel suo massimo splendore nel momento del disgelo a maggio-giugno.

 

Link galleria immagini

Descrizione percorso

L’acqua è capace di trasformare radicalmente i paesaggi. Alcuni percorsi devono gran parte della loro bellezza proprio a questo essenziale elemento in grado di rendere unici ambienti altrimenti banali.

Così è per la cascata di Parcines che riesce a conferire ulteriore bellezza alla già splendida cornice di montagne del Parco Naturale di Tessa.

Con i suoi 98 m di salto, la cascata di Parcines è la più alta dell’Alto Adige, ma a renderla ancora più affascinante è la sua notevole portata che arriva a superare durante il disgelo i 5000 litri al secondo.

Il tragitto da percorrere per arrivare al salto d’acqua è molto facile e non impegnativo, adatto a tutta la famiglia. Ma entriamo ora nei particolari di questo breve percorso.

Dal centro di Parcines, con l’auto seguiamo le indicazioni per la cascata che ci portano su una ripida strada (procedere con prudenza).

Per chi volesse è possibile arrivare a pochi metri dalla cascata tramite il bus navetta che da Parcines arriva fino al Gasthaus Wasserfall. Noi, invece, parcheggiamo al punto di ristoro Birkenwald a 950m, oltre il quale il divieto di accesso proibisce di continuare con l’auto.

Seguiamo quindi i numerosi cartelli indicatori e imbocchiamo il sentiero per la cascata.

Inizialmente il percorso segue un ruscello per poi deviare su un lussureggiante prato dove, sullo sfondo, il salto attira la nostra attenzione.

Non sappiamo spiegare perché, ma tutte le cascate trasmettono in chi le osserva felicità e positività: sarà l’aria notevolmente più ionizzata che si trova vicino ai salti o il particolare fascino che conferiscono le cascate agli ambienti, ma è impossibile non sentirsi bene accanto all’impetuosa acqua.

Il dirompente salto della cascata di Parcines mostra tutta l’intrinseca forza della natura, forza che qui è possibile ammirare da vicino grazie alla creazione di un punto panoramico posto proprio affianco. Si può così contemplare al meglio l’incredibile quantità d’acqua che, trasformatasi dalla turbolenza in una densa e lattiginosa nuvola, precipita nel vuoto.

La cascata di Parcines è ancora più possente verso la fine della giornata: lo scioglimento delle nevi nella alta val di Ziel avviene nelle ore centrali, l’acqua così disciolta impiega quindi circa 5 ore per arrivare al punto del salto.

Alla base del percorso che conduce alla piattaforma panoramica, vi è il Gasthaus Wasserfall che offre la possibilità di rifocillarsi.

Rientriamo quindi seguendo lo stesso percorso dell’andata, rivitalizzati dall’aria “frizzante” della cascata di Parcines!

CASCATA DI PARCINES ultima modifica: 2016-03-24T00:15:50+02:00 da Amos e Elison

3 pensieri su “CASCATA DI PARCINES

  1. Questa cascata è davvero splendida! Anche noi l’abbiamo visitata, e proprio in aprile-maggio! Ci siamo fermati nel prato che fronteggiava il salto, ed era incredibile come l’acqua nebulizzata dal salto ci raggiungesse! Complimenti per le foto, rendono proprio l’idea di quanto fosse bello lo spettacolo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *