Pubblicato il Pubblicato in Italia, Passeggiate (facili)

BIVACCO CASINET DE OCH (MARSINI)

Rigogliosi panorami fra i colli di Refrontolo e Tarzo.

A volte non serve camminare a lungo per godere di uno splendido panorama, non sempre è necessario inerpicarsi su ripidi sentieri per apprezzare appieno la bellezza del paesaggio, né salire ad alte quote per dominare la valle sottostante… Com’è possibile? Recandosi al bivacco Casinet de Och (Marsini).

Una passeggiata immersa nel verde e nel silenzio del bosco che in pochi chilometri consente di ammirare dall’alto la bella Refrontolo e che senz’altro invoglia a proseguire il giro spingendosi verso le rigogliose colline della vicina Tarzo.

 

INFORMAZIONI TECNICHE

ZONA: Veneto – Colli del Prosecco

COME ARRIVARE: Mappa auto

PARTENZA: Zona Molinetto della Croda

ARRIVO: Bivacco Casinet de Och

ALTITUDINE PARTENZA: 190m

ALTITUDINE ARRIVO: 290m

ALTITUDINE MASSIMA: 400m

DISLIVELLO IN SALITA: 230m

LUNGHEZZA PERCORSO (andata e ritorno): 7 km circa

TEMPI DI PERCORRENZA: Ore 2

CARTOGRAFIA DI RIFERIMENTO: Zanetti 7 – Quartiere del Piave

CIME PRINCIPALI:
Dal bivacco panorama sui colli situati tra Refrontolo e Solighetto:
Monfacon, 361m
Col Franchin, 440m
Monte La Croce, 310m
Mire Alte, 319m
Dalla Mondaresca panoramica sui colli di Corbanese e Formeniga fino al monte Pizzoc, 1565m
Alcuni tratti vista sui monti delle Prealpi Trevigiane, dal Col Visentin, 1776m al monte Cesen, 1570m.

ABBIGLIAMENTO CONSIGLIATO: Giro a bassa quota senza particolari difficoltà, sono sufficienti un paio di scarpe da trekking. Sconsigliabile il percorso in caso di periodi piovosi in quanto il sentiero di salita al bivacco si trasforma in un fiume di fango.

PERIODO RACCOMANDATO: Tutto l’anno

 

Link galleria immagini

Descrizione percorso bivacco Casinet de Och – Marsini

17 luglio

Facile percorso con suggestivi scorci sulle colline e sulla pianura sottostante. La prima parte del tragitto, fino alla Mondaresca, è più selvaggia e boscata mentre l’ultimo tratto si presenta più antropizzato e dolce, snodandosi tra ulivi e vigneti.

Si inizia appena dopo il rinomato Molinetto della Croda (per chi non lo avesse mai visitato merita assolutamente una sosta!). Si può parcheggiare l’auto al Molinetto oppure poco più avanti su qualche piazzola lungo la strada. Quindi si prende la stradina sterrata che diparte sulla destra a circa 800m dal Molinetto(in direzione Rolle). All’incirca dopo 200m si segue la segnaletica “Al Bivacco” numerato 001, che ci porta ad attraversare, su un comodo ponticello in legno, il torrente Lierza. Appena dopo si attraversa una zona aperta, un’armoniosa prateria cui qualche rado vigneto e delle colline boscose fanno da sfondo.

Alla fine del prato un altro cartello indica una svolta repentina del sentiero e si prosegue ora, in leggera salita, sotto l’ombra degli alberi. Con qualche tornante il sentiero si eleva progressivamente e, in stagione, la fioritura dei ciclamini rallegra il sottobosco. Appena prima di aver raggiunto la sommità della collina, si tiene la destra ed ecco il bivacco Casinet de Och (o bivacco Marsini).

Questo piccolo ma grazioso ricovero, perso tra le colline, offre ottimi scorci panoramici. La costruzione si inserisce perfettamente nel paesaggio, e una volta seduti sulle panchine esterne non ci si muoverebbe più!

Ma il giro deve continuare! Così, dopo la pausa, proseguiamo sul sentiero che parte sul crinale dietro la costruzione. Per chi non volesse allungare è possibile scendere per la ripida traccia che parte davanti al bivacco e arriva in brevissimo tempo alla strada del Molinetto.

Noi seguiamo invece il crinale della collina, sulla traccia indicata come sentiero Maurizio e Lucio (bande blu e gialle). Alla nostra sinistra compaiono ogni tanto le cime della Valsana, mentre a destra le colline si ergono sopra la pianura.

Il percorso si alza ancora per poi continuare in piano verso la Mondaresca che sovrasta il territorio sottostante fino alle pendici del monte Pizzoc e della piana del Cansiglio.

Da qui anziché seguire la strada di accesso alla Mondaresca, deviamo a destra seguendo il cartello che indica Croda del Mus; al bivio poco più avanti evitiamo le stradine provenienti da destra e sinistra tenendo quella centrale e successivamente seguendo le indicazioni “Sentiero Maurizio e Lucio” e “Pecolon”.

Ormai è tardi ed i monti della Valsana compaiono dietro le colline su un cielo che comincia a tingersi di rosa man mano che il sole cala dietro l’orizzonte.

La stradina diventa ora un sentiero che serpeggia in un rado boschetto. Alla fine di questo troviamo una graziosa casera, attorniata da alberi di ulivo con un’invidiabile vista sulle colline. Ci ricolleghiamo quindi ad una carrabile bianca che, tra i vigneti, scende la così chiamata Costa Bavera.

Il paesaggio qui è meraviglioso, pittoresco, da scena agreste: i regolari vigneti si alternano sullo sfondo con i boschi, mentre borghetti e vecchie casere ben si inseriscono nelle dolci colline. La luce radente dell’imbrunire con i suoi giochi di luci e ombre contribuisce ad aumentare il romanticismo del luogo.

L’asfalto prende ora il posto dello sterrato e, tralasciando una deviazione sulla sinistra, arriviamo nuovamente sulla strada principale, prima del Molinetto. Prendiamo quindi la direzione di destra fino ad arrivare, con le ultime luci, all’auto.

Termina così questo giro ad anello tra boschi e vigneti, natura e antropizzazione.

BIVACCO CASINET DE OCH (MARSINI) ultima modifica: 2016-07-27T11:13:41+02:00 da Amos e Elison

Un pensiero su “BIVACCO CASINET DE OCH (MARSINI)

  1. Fatto anche questo! Davvero bello e spettacolare la vista dal bivacco! Noi credo lo abbiamo allungato un po’ prendendo dall’altro lato la Costa Bavera..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *